Immagine
L’arricciato del Nord è sicuramente il canarino più “antico” e consolidato tra tutti gli Arricciati.
Allevare l’ Arricciato del Nord è ormai un passaggio obbligato per chiunque si voglia dedicare all’allevamento delle razze arricciate, dai più leggeri e sofisticati Arricciati del Sud e Gibber Italicus ai più pesanti ed imponenti Padovani, Parigini ed AGI, per non parlare poi del piccolo Fiorino che, se si  eccettua la categoria “Ciuffato” non è altro che un Nord in miniatura. Passaggio obbligato perché essendo la razza arricciata più vecchia ed affermata è quella che meglio consente di acquisire dimestichezza con le fantomatiche arricciature. L’Arricciato del Nord è paradossalmente la razza arricciata che più attira l’attenzione sulle “zone” lisce, in quanto è caratterizzato ed è valutato proprio sulla base del netto contrasto tra “zone” arricciate e “zone” lisce. Oggi i maggiori problemi nella selezione di un buon Nord sono dati dalle difficoltà di esaltare nello stesso soggetto contemporaneamente regioni lisce ed arricciature, un ottimo Arricciato del Nord, strano ma vero, deve essere caratterizzato da culottes ben attillate, collo e addome perfettamente lisci e dalla testa tonda e completamente priva della benché minima arricciatura, in pratica deve essere totalmente liscia anche questa. Su queste “zone” lisce vanno poi curate le arricciature : Jabot che deve essere bene evidente, folto, simmetrico e senza cavità superiore; Spalline che devono essere simmetriche ed estese a quasi tutto il dorso; Fianchi che devono essere ampi e simmetrici, rivolti verso l’alto fino a superare il livello delle spalline, molto curata deve essere poi anche la Taglia che lo standard ufficiale richiede sia di 17 – 18 cm, anche se oggi si tende a selezionare Arricciati del Nord sempre più grandi.Molti allevatori, preoccupandosi solo delle arricciature commettono un fondamentale errore nella selezione del Nord, accoppiano cioè soggetti entrambi brinati, riuscendo ad ottenere arricciature folte e vaporose, ma in questo modo “sporcano” inevitabilmente ventre, collo e testa che spesso viene a presentarsi con delle vere e proprie sopracciglia. L’accoppiamento dell’Arricciato del Nord, come avviene del resto per molte altre razze di canarini, richiede un soggetto brinato ed un soggetto intenso e quando ciò non è possibile in quanto ci sono moltissimi soggetti che possono essere considerati dei semi-intensi, si dovrà fare attenzione alla struttura del piumaggio accoppiando soggetti a piumaggio più “stretto” (aderente e compatto) a soggetti a piumaggio più “lasco” (soffice e vaporoso). Un rompicapo poi nella selezione dell’Arricciato del Nord è dato dalle ali che lo standard ufficiale richiede non si incrocino mai,  è difficile o alquanto casuale, l’ottenimento di questo risultato, perché anche accoppiando canarini che non hanno questo difetto, inevitabilmente una buona percentuale di pullus viene su con le ali incrociate o viceversa,  il che fa pensare che si tratti di un difetto di questa razza e pertanto per questo connotato conviene solo appellarsi ad un pizzico di fortuna. 


 


Comments




Leave a Reply